asinello"Caro asinello di Gesù"

"In questo Natale ho sentito il desiderio di dedicare proprio a te la letterina da mettere sotto il tuo piatto (la mangiatoia) nella cena della Vigilia. So che di certo ti meraviglierai che qualcuno pensi proprio a te, umile e laborioso giumento di cui quasi nessuno parla bene (tranne la Bibbia che ti cita ben venti volte!), anzi, per molti sei solo sinonimo di ignoranza e testardaggine.
lo invece penso che tu sia un umile servitore degli ultimi (San Francesco chiamava il suo corpo "frate asino"...); umiltà e servizio sono due virtù sempre importanti per chi oggi vuole che scompaiano la prepotenza e l'egoismo dal cuore dell'uomo. Grazie allora del tuo buon esempio, asinello caro e simpatico.
Forse nessuno ti ha mai detto che nella Bibbia (Libro dei Numeri, ripreso dalla Seconda Lettera di Pietro) è narrato un episodio, ai più sconosciuto, in cui si racconta che il buon Dio ha scelto proprio un asinello, cui ha donato temporaneamente la parola umana, perche con l'aiuto di un angelo distogliesse il profeta Balaam da una folle disubbidienza a Dio. Dunque Dio ha stima e anche bisogno degli asini.
E oltre che stima ha anche simpatia e fiducia avendo affidato proprio a te, asinello di Gesu di Nazaret, un prestigioso incarico: quello di riscaldare col tuo fiato e con I'aiuto del tuo amico bue, il piccolo neonato Bambino di Betlemme, dando il cambio a Giuseppe e Maria quando dovevano riposare un pochino. Se sei stato così bravo, allora perché non insegni anche a noi a scaldare il cuore gelido di tante persone ed il corpo infreddolito di tanti bambini sofferenti?
Sei stato così bravo in quelle notti fredde di Betlemme, che Giuseppe ti ha scelto per accompagnarlo con Maria e Gesù nel tremendo viaggio verso l'esilio d'Egitto. Ti sei reso conto che nessun uomo al mondo, anche tra i più potenti, ha mai avuto la fortuna di portare sulle sue spalle per giorni e mesi la Madonna con Gesù in braccio?! Ed in Egitto come ti hanno trattato? Forse dovresti insegnarci a trattare bene coloro, e sono tanti, che ancor oggi sono come te profughi e migranti, lontani dalla loro amata terra...
Un’ultima cosa vorrei chiederti: non e che trent'anni dopo questi avvenimenti, Gesu ti ha incontrato nel paesino di Bètfage e ti ha chiesto un passaggio per accompagnarlo da re, umile ma re, nel suo ultimo ingresso in Gerusalemme? Se non sei stato tu quel fortunato, di certo e stato uno della tua razza, una razza d'asini... amata da Dio!
Caro asinello di Bètlem, lo sai che sono un poco invidioso di te?
Non è che potrei darti un po’ il cambio?... Ciao.
A te e a tutte le creature umili e servizievoli del mondo: Buon Natale!"
don Felice

Insieme celebriamo
il Santo Natale

PRIMA

Martedi 16 dicembre ore 18.30:
-Inizio della Novena di Natale
Venerdi 19 ore 20.45:
-veglia per bambini e famiglie
Sabato 20 ore 22:
-inizio veglia notturna di preghiera
Domenica 21, 4° di Avvento:
-nelle Messe colletta di avvento per i cristiani perseguitati dell'India
-ore 8.00 conclusione veglia con le Lodi
-ore 17.30 celebrazione comunitaria del Perdono
Lunedi 22:
preparazione chiesa, liturgie e canti
Martedi 23 e mercoledi 24:
Confessioni

DURANTE

Mercoledi 24 vigilia:
-ore 22.30 breve veglia di canti e preghiera
-ore 23.00 MESSA DELLA NOTTE SANTA
Giovedi 25 Solennità del Natale
-ore 8.30, 10.30 e 17.00 MESSE DI NATALE
-ore 18.30 canto dei Secondi Vespri

DOPO

Venerdi 26 Santo Stefano
-messe ore 8.30 e 10.30
Domenica 28 festa della Sacra Famiglia
Mercoledi 31 chiusura dell'anno:
-ore 18.00 Messa del Ringraziamento
Giovedi 1 gennaio: Capodanno, Maternità di Maria e Giornata della Pace
-Messe ore 8.30, 10.30 e 17.00
Martedi 6 Solennità dell'EPIFANIA
-ore 10.30 Messa con i Re Magi

 

       

Letture e Liturgia

Cerca nella Bibbia

Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:
Martedì, 12 Dicembre 2017

Chi è online

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

Contatore Visite

143478
Oggi190
Ieri411
Questa Settimana601
Questo Mese4443
Totale143478