Ma quanta vita c’è in quell’ultima cena di Gesù che abbraccia tutta la storia di Israele, e prepara gli apostoli ad un futuro dove Lui si manifesterà attraverso la loro parola e la loro vita, fino al banchetto alla fine dei tempi!

Quanta vita c’è in quel benedire, condividere, identificarsi con il pane e il vino, segni di un modo nuovo di esistere nella prospettiva del dono!

Quanta vita c’è nel chinarsi per lavare i piedi ai 12, come se il servizio non fosse solo un gesto di bontà, ma uno stile che rivela il volto di Dio che si è fatto uomo per servirci e ci rende più felici, perchè più umani!

Si impara sempre nella vita e si può imparare anche stando seduti a tavola.

Quando ricominceremo a trovarci, a invitarci, a condividere il cibo con gli amici, in famiglia o in qualche festa domandiamoci: quale passato abbiamo condiviso? Quali ricordi, fatiche e gioie abbiamo in comune?

Per quale futuro ci stiamo impegnando? Quali valori mettiamo come fondamento?

E sarà tutto molto più bello, intenso, profondo…e potremo dire è andato tutto diversamente bene!

Buon Triduo Pasquale a tutti.

Pin It

 

       

Letture e Liturgia

Cerca nella Bibbia

Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:
Mercoledì, 30 Settembre 2020

Chi è online

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

Contatore Visite

1253103
Oggi507
Ieri893
Questa Settimana2187
Questo Mese22946
Totale1253103